ARCOLA

Arcola

Arcola

Arcola Arcola

Arcola si trova nella bassa Val di Magra, in posizione dominante a sinistra del fiume e appena prima della foce. Antico cassero romano, il borgo si formò in seguito dell’insabbiamento del porto di Luni. Di dominio obertengo, Arcola fu inizialmente contesa dai vescovi di Luni e dai Malaspina, per passare nel 1278 ai Doria e quindi a Genova.
Il borgo si caratterizza per la struttura medievale ad anelli concentrici con viuzze lastricate. Nel paese svetta l’antica torre pentagonale obertenga di 25 metri, resto di un possente maniero distrutto dai genovesi. Da visitare inoltre La chiesa di San Nicolò, ricostruita nel XVI secolo su una precedente cappella del X secolo e il santuario di Nostra Signora degli Angeli del XVI secolo con le spoglie di Santa Crescenza.
Sulle colline arcolane, si trovano borghi storici come Trebiano, con i resti del castello vescovile e la pieve di San Michele; Baccano, con la settecentesca Villa Picedi e la chiesa protoromanica di Santo Stefano e Santa Margherita e Cerri, con igli stretti "carobi".
Terra di grande tradizioni gastronomiche liguri e lunigianesi, Arcola ospita un’importante rassegna vinicola annuale ai primi di settembre.


Torna indietro






Dalla torre pentagonale che svetta sul borgo alla chiesa alla chiesa di San Nicolò; dal borgo di Trebiano con i ruderi del castello alla pieve di Baccano con la vicina villa Picedi Benettini.

Trova l'alloggio più comodo per il tuo soggiorno ad Arcola, tra hotel, agriturismi, b&b... e scegli dove degustare le specialità gastronomiche tipiche della zona.

Principalmente durante la stagione estiva, Arcola e le sue frazioni vengono ravvivate con sagre dedicate a prodotti tipici e al vino arcolano.

Le lotte tra Vescovi di Luni e Malaspina vennero interrotte dall'arrivo della potenza di Genova, che estese il proprio dominio su Arcola per secoli.