CASTIGLION DEL TERZIERE

Castiglion del Terziere
Castiglion del Terziere

Il borgo di Castiglione, situato su un poggio alla sinistra della Magra, era chiamato nell’alto medioevo dei Corbellari, dal nome della famiglia che lo possedeva. Divenne del Terziere dal XIII secolo, in quanto terza parte dei possedimenti feudali lasciati da Obizzino Malaspina ai suoi eredi nella divisione dei territori dello Spino Fiorito. Castiglione del Terziere, dopo essere stato possesso dei Malaspina, passò nel 1451 alla Repubblica di Firenze, per 8000 fiorini d’oro, che ne fece il centro della sua politica espansionistica in alta Lunigiana elevandolo a sede di capitanato di giustizia. Il borgo è dominato dal castello risalente al VI-VII secolo. Caratterizzato da una torre di forma quadrangolare, fu ristrutturato nel 1351 per volere di Franceschino Malaspina, che ne ottenne la signoria. Il suo periodo di massima importanza e sviluppo coincise con la dominazione di Castruccio Castracani, signore di Lucca, che stabilì qui una roccaforte nell’ambito del progetto di riunire la Lunigiana, Garfagnana, Lucchesia e Versilia in un unico stato.
l’antica chiesa della metà del XVI secolo fu abbandonata nel 1783 perché pericolante. Restano solo alcune rovine tra cui le fondamenta ancora visibili in certi tratti e antichi oggetti come due acquasantiere, alcuni altari, il fonte battesimale e alcune lapidi. Sul luogo dell’antica chiesa sorge oggi il monumento ai caduti e il vecchio campanile. La nuova chiesa, dedicata anch’essa a San Leonardo abate, fu costruita subito dopo sotto la spinta di Giovanni di Girolamo Corbellari e del parroco Don Michele Pedroni, e venne conclusa nel 1787.

Per approfondire:









Strutture turistiche a Castiglion del Terziere





Torna indietro