Terre di Lunigiana: Val di Magra Val di Vara Golfo dei Poeti Cinque Terre Versione Italiana English Version Versión Española Version Française Deutsche Version Nederlandse Versie
TerreDiLunigiana - Pagina di inizio. Fotografia: © APT Massa Carrara

Home
Contatti
Chi siamo
Guida PDF
Lunigiana
Come arrivare
Clima
Blog
IN TOSCANA
Aulla
Bagnone
Casola
Comano
Filattiera
Fivizzano
Fosdinovo
Licciana Nardi
Mulazzo
Podenzana
Pontremoli
Tresana
Villafranca
Zeri
VAL DI MAGRA
Castelnuovo Magra
Ortonovo
Santo Stefano
Sarzana
Ameglia
Arcola
Vezzano Ligure
  LA PIEVE DI SANTO STEFANO DI SORANO

La pieve di Sorano La pieve di Sorano
La pieve di Santo Stefano di Sorano si trova nella piana di Filattiera, lungo l'antico percorso della Via Francigena, in una zona di un grande interesse storico. Cronologicamente, la piana fu antica area di culto, come testimoniano le numerose statue stele lì ritrovate. Qui si sviluppò nel I secolo a.C. una fattoria di epoca romana, forse appartenuta a una “Gens Suria”, un antico edificio di difesa oggi scomparso, il “Kastron Soreon”. All’interno della pieve si trovava la Lapide di Leodgar, oggi nella chiesa di San Giorgio sempre a Filattiera, forse un vescovo o un gastaldo longobardo morto nel 752, fautore della cristianizzazione della Lunigiana e della distruzione di molti idoli di pietra, come si legge dalla lapide stessa.
La pieve viene citata indirettamente per la prima volta da Sigerico, Arcivescovo di Canterbury, nel suo viaggio verso Roma alla fine del X secolo. Isolata a partire dal XII-XIII secolo quando per l’insalubrità dovuta al fiume Magra e i pericoli del passaggio di eserciti, la popolazione si spostò nell'attuale borgo, fu comunque a capo di una vasta diocesi come testimonia un estimo del XV secolo, che ne registrava i possedimenti da Malgrate a Mulazzo, Filetto, Rocca Sigillina, Filattiera e altre ancora. Il luogo venne definitivamente abbandonato nel 1700. La pieve mantenne le sue funzioni religiose fino alla metà degli anni 90 del Novecento, quando l’incuria ne provocò la caduta del tetto. In vista del Giubileo del 2000 venne completamente ristrutturata.
L'impianto è a tre navate, divise da pilastri circolari con capitelli monolitici appena sbozzati. L’abside centrale è affiancata da due più piccole, aggiunte in epoche successive. La torre campanaria quadrata e tozza tradisce uno scopo più difensivo che religioso. Il materiale di costruzione ne conferma l’origine povera, pietre del fiume Magra assemblate tra loro.
La pieve è sempre aperta al pubblico.

Per approfondire:
Le fotografie della pieve di Sorano
Le chiese di Filattiera
La Via Francigena in Lunigiana

Torna indietro

 
DA VISITARE
Castelli e Ruderi
Pievi e Chiese
Musei
Borghi
ACCOGLIENZA
Agriturismi
Hotel e Alberghi
B&B e Ostelli
Affittacamere
Campeggi
Immobiliari
TEMPO LIBERO
Itinerari e Gite
Sagre e Fiere
Eventi
Natura e sport
Trekking
DIVERTIMENTI
Ristoranti
Pizzerie
Pub e Disco
ENOGASTRONOMIA
Ricette
Prodotti Tipici
I Vini
CULTURA
Storia di Lunigiana
Le Statue Stele
La Via Francigena
Leggende
Personaggi
Lunigiana storica: Cinque Terre | Val di Vara | Golfo dei Poeti | Riviera Apuana
Email: info@terredilunigiana.com | Siti amici | Giornali Italiani
Contenuti e disegno: © Terre di Lunigiana 2005-2014 | Tutti i diritti riservati.