Terre di Lunigiana: Val di Magra Val di Vara Golfo dei Poeti Cinque Terre Versione Italiana English Version Versión Española Version Française Deutsche Version Nederlandse Versie
TerreDiLunigiana - Pagina di inizio. Fotografia: © APT Massa Carrara

Home
Contatti
Chi siamo
Guida PDF
Lunigiana
Come arrivare
Clima
Blog
IN TOSCANA
Aulla
Bagnone
Casola
Comano
Filattiera
Fivizzano
Fosdinovo
Licciana Nardi
Mulazzo
Podenzana
Pontremoli
Tresana
Villafranca
Zeri
VAL DI MAGRA
Castelnuovo Magra
Ortonovo
Santo Stefano
Sarzana
Ameglia
Arcola
Vezzano Ligure
  IL FIUME MAGRA

Il fiume Magra Il fiume Magra
Il fiume Magra nasce in Toscana dal monte Borgognone, a 1401 metri d’altezza e sfocia nel mar Tirreno a Bocca di Magra, in Liguria, dopo 62 Km di percorso. Interessa le province di Massa Carrara e La Spezia, da Pontremoli ad Ameglia, e tutto il territorio della Lunigiana.
Il fiume è costeggiato dalla SS 62 della Cisa. È il terzo fiume toscano per superficie, con circa 1662 Kmq, dopo l' Arno e l' Ombrone e riceve lungo il percorso numerosi affluenti di minore o maggior portata che nascono dai gioghi dell’Appennino Tosco Emiliano, Tosco Ligure e dalle Alpi Apuane.
Il fiume si divide in tratto superiore, medio e inferiore. Nella sua parte alta, caratterizzata da un regime torrentizio fino a Pontremoli, i principali affluenti sono i torrenti Verde, Gordana, Teglia, tutti da destra. In questa prima parte, priva di inquinamento, il fiume è costeggiato da ontani neri e salici di ripa. Inoltre da segnalare la formazione di piccoli canyon e salti d’acqua, come il piscio di Pracchiola, una cascata di trenta metri.
Nel suo tratto medio, tra Pontremoli e Aulla, il Magra rallenta la sua corsa per la diminuzione di dislivello. Da destra riceve le acque dei torrenti Mangiola, Osca e Penolo, mentre da sinistra il Caprio, il Bagnone, il Taverone e l’Aulella con notevoli portate d’acqua. Qua la riva è popolata da saliceti arbustivi, mentre le terrazze alluvionali dall' ontano nero, dal pioppo nero e dalla robinía.
La zona fluviale del fiume Magra in territorio ligure è molto diversa dalla parte alta del suo scorso. Riceve le acque del suo principale affluente, il Vara, all'altezza di Bolano e Santo Stefano Magra, scorrendo poi fino al mare lentamente per cinque km e disegnando ampi meandri. Nonostante la vasta piana sia intensamente coltivata e sfruttata, conserva interessanti ambienti acquitrinosi, laghetti e stagni. Zone umide importanti, ideali per la nidificazione e la sosta di numerose specie di volatili come il martin pescatore, presente anche nel Vara, il balestruccio, la rondine, il gruccione, il torcicollo e il picchio rosso maggiore, l'airone cenerino, l'airone rosso, la garzetta, il tarabuso, il tarabusino, la nitticora e molte altre
Le rive sono ricche di salici, ripaiolo e rosso, e pioppi, con l'euforbia dolce, il lamiastro, il geranio nodoso e il biancospino, mentre dove l'acqua scorre più lenta si sviluppano piante acquatiche e palustri come il millefoglio d'acqua, il coltellaccio, la lisca maggiore e la lisca a foglie strette.
La foce del fiume, a Fiumaretta e Bocca di Magra, è luogo di riposo di cormorani, gabbiani reali e comuni, marangoni dal ciuffo e sterne beccapesci. Nel mare antistante invece, è facile avvistare tuffetti, smerghi, svassi e anche edredoni durante tutto l'anno.
I circuiti pedonali e ciclabili ne permettono una piena fruizione.

Per approfondire:
Il Piscio di Pracchiola
Il fiume Magra al Pallino e al Piagnaro
La Valdantena
Il Parco di Montemarcello Magra
Il trekking in Val di Magra e i sentieri del Parco

Torna indietro

 
DA VISITARE
Castelli e Ruderi
Pievi e Chiese
Musei
Borghi
ACCOGLIENZA
Agriturismi
Hotel e Alberghi
B&B e Ostelli
Affittacamere
Campeggi
Immobiliari
TEMPO LIBERO
Itinerari e Gite
Sagre e Fiere
Eventi
Natura e sport
Trekking
DIVERTIMENTI
Ristoranti
Pizzerie
Pub e Disco
ENOGASTRONOMIA
Ricette
Prodotti Tipici
I Vini
CULTURA
Storia di Lunigiana
Le Statue Stele
La Via Francigena
Leggende
Personaggi
Lunigiana storica: Cinque Terre | Val di Vara | Golfo dei Poeti | Riviera Apuana
Contatti | Siti amici | Giornali Italiani
Contenuti e disegno: © Terre di Lunigiana 2005-2014 | Tutti i diritti riservati.