Terre di Lunigiana: Val di Magra Val di Vara Golfo dei Poeti Cinque Terre Versione Italiana English Version Versión Española Version Française Deutsche Version Deutsche Version Hungarian version
TerreDiLunigiana - Pagina di inizio. Fotografia: © APT Massa Carrara

Home
Contatti
Chi siamo
Guida PDF
Lunigiana
Come arrivare
Clima
Blog
IN TOSCANA
Aulla
Bagnone
Casola
Comano
Filattiera
Fivizzano
Fosdinovo
Licciana Nardi
Mulazzo
Podenzana
Pontremoli
Tresana
Villafranca
Zeri
VAL DI MAGRA
Castelnuovo Magra
Ortonovo
Santo Stefano
Sarzana
Ameglia
Arcola
Vezzano Ligure
  RICETTE DELLA LUNIGIANA

I panigacci I panigacci
La cucina della Lunigiana è il risultato della fusione di diverse tradizioni provenienti da regioni confinanti con forti tradizioni gastronomiche. Gli ingredienti usati sono molto semplici, a testimonianza della grande pobreta di questa regione storica. Ingredienti sapientemente mischiati tra loro che creano una cucina dai sapori forti e delicati al tempo stesso. Materie prime povere quindi, come le erbe spontanee che crescono nella zona, alla base della prelibata torta d'erbi, la farina l’acqua e il sale, che uniti danno magicamente i testaroli, piccole losanghe di sottile sfoglia, fatte rinvenire in acqua bollente e poi condite con pesto, olio o sugo di funghi, forse il piatto più famoso della Lunigiana con i panigacci, focaccette sottili da mangiare con formaggi freschi e salumi del luogo. Le castagne, i cui alberi coprono le colline lunigianesi, sono le protagonista di molti piatti. La farina si usa per le lasagne bastarde, gli gnocchi mesci, i pani del fivizzanese, la marocca di Casola e la pattona.
Dall'allevamento si ottengono non solo salumi come la spalla cotta, il culatello, il filetto, la mortadella, ma anche l’agnello di Zeri, buonissimo arrosto con patate, il capretto alla cacciatora, il coniglio con polenta.
Per quanto riguarda i dolci, si passa da quelli secchi come la torta di mandorle, il buccellato, la pasteriala, la spongata pontremolese, agli indescrivibili e cremosi amor pontremolesi.
Il filo conduttore della cucina lunigianese è rappresentato da due utensili: il “testo” e il “luar”, il primo è un recipiente d’argilla o ghisa di media grandezza, che fa da tramite tra il fuoco e il cibo, il secondo, onnipresente per stendere la pasta.

Gli antipasti
I frittini, le focaccette, i salumi, gli sgabei...
>>>
I primi piatti
I testaroli, le lasagne bastarde, i tortelli...
>>>
I secondi piatti
L'agnello di Zeri, coniglio e polenta...
>>>
Dolci e torte
La torta d'erbi, la spongata, gli amor...
>>>

Per approfondire:
Le ricette della Val di Magra

 
DA VISITARE
Castelli e Ruderi
Pievi e Chiese
Musei
Borghi
ACCOGLIENZA
Agriturismi
Hotel e Alberghi
B&B e Ostelli
Affittacamere
Campeggi
Immobiliari
TEMPO LIBERO
Itinerari e Gite
Sagre e Fiere
Eventi
Natura e sport
Trekking
DIVERTIMENTI
Ristoranti
Pizzerie
Pub e Disco
ENOGASTRONOMIA
Ricette
Prodotti Tipici
I Vini
CULTURA
Storia di Lunigiana
Le Statue Stele
La Via Francigena
Leggende
Personaggi
Lunigiana storica: Cinque Terre | Val di Vara | Golfo dei Poeti | Riviera Apuana | Versilia
Email: info@terredilunigiana.com | Siti amici | Giornali Italiani
Contenuti e disegno: © Terre di Lunigiana 2005-2014 | Tutti i diritti riservati.