LE ARMI E I GIOIELLI DELLE STATUE STELE

Statua stele
Statua stele

A causa della quasi completa mancanza di elementi certi per la datazione delle statue stele, l’analisi della tipologia delle armi e dei gioielli è l’unico mezzo per stabilire la cronologia dei monumenti.
La forma e i particolari delle armi sono paragonati con altri oggetti ritrovati in scavi archeologici di datazione assolutamente certa. Sulla base delle corrispondenze morfologiche, è possibile ipotizzare che un dato monumento venne costruito nello stesso periodo nel quale venne usato il corrispondente oggetto.

I pugnali
Tutte le statue maschili dei gruppi A e B hanno un pugnale nella parte bassa del corpo, come unico elemento di distinzione sessuale. Con un significato simbolico profundo, normalmente ha una lama triangolare, un corto manico e un’impugnatura semicircolare. Nelle statue del gruppo A, il pugnale è abbozzatto con il contorno solamente, senza nessun altro particolare. Le armi del gruppo B invece, come la Minucciano I, Taponecco, Filetto IV, hanno particolari strutturali come la linea centrale della lama e un manico più stretto. Il pugnale della Filetto IV è il più accurato.
I pugnali delle statue stele del gruppo C, come la Filetto I e Filetto II, assomigliano a una piccolo spada. l’impugnatura presenta due bracci ricurvi. Quest’ultima arma è tipica dell’età del Ferro celtica, più preceisamente alla civiltà degli Hallstatt, localizzata nell’Europa centrale nella prima parte del primo millennio a.C.
Nelle statue stele di Canossa e Gigliana è presente un pugnale differente, con una lama rettangolare ornate da linee assiali parallele e tre cuspidi finali.

Asce e lance
Le asce del gruppo B
Quasi tutte le statue masculine del tipo B mostrano un’ascia stilizzata nella parte alta del corpo. l’arma ha una forma di L rovesciata e nonostante la mancanza di particolari, possiamo supporre che il braccio corto presenta l’arma in bronzo, mentre quello verticale ha un’impugnatura di legno.

Le asce del gruppo C
Le asce stilizzate nelle statue stele del gruppo C sono totalmente diverse dale altre. Hanno una lunga lama rettangolare, perpendicolarmente collegata a uno stretto manico con un piccolo pomolo alla fine.

Le lance del gruppo C
Le coppie di lance con testa conica presenti nelle statue stele Filetto I e Filetto II appartengono all’armamento celitico.

Il disco di Reusa
Nella statua stele di Reusa è riconoscibile, nonostante le abrasioni, la forma di un disco nella parte sinistra, dove le alter statue presentano una coppia di lance. Le informazioni sono molto povere, ma si può ipotizzare che fosse un disco di bronzo usato come arma.

I gioielli femminili
Alcune statue femminili appartenenti al gruppo B hanno gioielli intorno al collo. La Filetto III mostra un doppio girocollo che riposa in parte sul seno. È probabilmente composto da piccole pietre che erano frequentemente rinvenute nelle cave di rame nell’età del Bronzo.
La Treschietto e la Sorano II hanno invece una collana ornate da grossi anelli metallici simili a quelli usati oggi da alcune tribu africane. Questi ornamenti possono risalire all’età del Bronzo.

La fotografia di questa pagina è di proprietà esclusiva del gruppo Archeologico Pisano. L’utilizzo di questo materiale è stato concesso esplicitamente. È vietata la riproduzione, alterazione, falsificazione, modificazione di copie non autorizzate in tutto o in parte del contenuto delle informazioni pubblicate e delle immagini.

Per approfondire:
Le statue stele

Torna indietro