FIVIZZANO

Fivizzano

FIVIZZANO

Il comune di Fivizzano si estende nella Lunigiana orientale, prendendo una curiosa forma di mezzaluna, che tocca la provincia di Lucca e l'Emilia, dal passo del Cerreto alle vette apuane del monte Sagro e del Pizzo d’Uccello. Denominato il comune dei cento borghi, per le numerosissime frazioni che lo compongone, il territorio è un susseguirsi ininterrotto di colline e vallate, dove scorrono rumorosi numerosi torrenti come il Rosaro, il Mommio, il Bardine, il Lucido, tutti confluenti verso il corso dell’Aulella.
Terra antichissima, zona di ritrovamento di statue stele in località Pontevecchio, Fivizzano appare nominato per la prima volta in epoca altomedievale, come mercato del vicino e oggi suggestivo, borgo della Verrucola, sede del potere feudale di diverse famiglie: Bosi, Bianchi d’Erberia e quindi Malaspina, prima di passare a Firenze nel XV secolo, di cui seguì le sorti.
"Perla sperduta tra i monti" di carducciana memoria, Fivizzano è conosciuta anche come "Firenze di Lunigiana", sia per essere stato uno dei primi paesi della zona a sottomettersi ai Medici, sia per l’eleganza delle sue architetture. Conserva un importante centro storico, protetto e racchiuso dalle mura medicee, erette da Cosimo I nel 1540, dove si susseguono palazzi signorili che confluiscono nella Piazza Medicea, caratterizzata dall'elegante fontana barocca in marmo e pietra serena voluta da Cosimo III nel 1683, dove si affaccia la chiesa dedicata ai Santi Giacomo Apostolo e Antonio del XIV secolo e ampliata nel XVI, a tre navate, scandito da colonne in arenaria e con all’interno una bella pila battesimale recante lo stemma dello Spino Fiorito dei Malaspina.
Degli edifici che la circondavano, rovinati dal terremoto del 1920, solo palazzo Cojari ha mantenuto la sua struttura originale, mentre sono stati ribassati Palazzo Molari, Palazzo Cargiolli, sede dell’accademia degli Imperfetti, la casa Borni e il Palazzo della Cancelleria Amministrativa. Dirigendosi verso il palazzo comunale, da sempre luogo dove si amministrava la giustizia, si ammirano gli stemmi ancora sopravvissuti al terremoto del 1920 e quindi si incontra l’ex convento degli Agostiniani, oggi struttura ricettiva, costruito da Niccolò Malaspina nel XIV secolo ed espropriato da Leopoldo I nel 1786. Accanto si trova l’oratorio di San Carlo Borromeo o chiesetta delle Carceri, poichè nelle vicinanze si trovava la prigione. Giungendo in fondo al borgo, verso Porta Sarzanese, troviamo palazzo Fantoni Bononi, sede del museo della Stampa Jacopo da Fivizzano, dove si rivendica l'invenzione della macchina da scrivere a caratteri mobili nel 1471.
Nei dintorni, l'imbarazzo della scelta su cosa visitare: il borgo della Verrucola, la pieve di San Paolo di Vendaso la pieve di Pognana, il borgo di Gragnola con l'imponente castello, Vinca, Sassalbo e Viano, le grotte di Equi Terme...
Alcune frazioni sono anche conosciute per la varietà e la bontà del loro pane: Signano, Vinca, Po e Agnino, prodotti ancora nei forni a legna.
Tra le feste principali del comune, ricordiamo la rassegna gastronomica Fivizzano Sapori a inizio giugno, la rievocazione medievale della Disfida degli Arcieri di Terra e di Corte a luglio, Tre Sere nel Passato a Gragnola ad agosto e il presepe vivente di Equi Terme sotto Natale.
Durante l'estate poi, numerosi sono i punti in cui rinfrescarsi nelle acque dei torrenti che percorrono le valli del fivizzanese: Rosaro, Lucido, Aulella, Bardine. Particolarmente suggestivi sono i bozzi delle fate di Fiacciano, le pozze di Magliano, le marmitte dei giganti di Mommio...

Come arrivare



Aggiornato: 13 giugno 2020




Da non perdere a Fivizzano



Assolutamente tutto su Fivizzano


La Firenze di Lunigiana, con la fontana medicea e le possenti mura. Poco distante il castello della Verrucola e borghi e castelli unici nelle sue valli.

Trova l’alloggio più comodo per il tuo soggiorno a Fivizzano, tra agriturismi, b&b, affittacamere, hotel... e scegli dove degustare le specialità gastronomiche tipiche della zona.

Tradizioni gastronomiche e storiche si incontrano nelle sagre organizzate soprattutto nel periodo estivo, tra cui Fivizzano Sapori.

Suggerimenti di itinerari e percorsi su cosa visitare nel comune di Fivizzano, nei dintorni e lungo i sentieri trekking e i torrenti balneabili.

I feudi malaspiniani si ritrovano nei castelli della Verrucola e di Gragnola, in un ricordo costante dell’epoca medievale e delle sue leggende.



Video di Fivizzano



Fotografie di Fivizzano