IL CASTAGNO

Panorama lunigianese
Panorama lunigianese

I boschi di castagne sono una delle caratteristiche principali di tutta Lunigiana. Nel XIX secolo, il 35% circa del territorio di Fivizzano erano coltivati a castagneto. Non solo il legno legno che dava la pianta per strumenti e arredi, ma anche le foglie per il rusco, spesso oggetto di contese tra paesi vicini per il suo uso, come tra Argigliano e Minucciano, le castagne per la farina, le pattone e il pane.
A Sassalbo, l’unico abitato compreso nel Parco Nazionale dell’Appennino, i castagneti sono la caratteristica principale, con i metati, o seccatoi dove i frutti venivano seccati a fuoco lento. Le castagne venivano poi macinate nei mulini per produrre farina da usare per il pane o le pattone, come ad Arlia, Posara e Turano.
Ad Agnino si svolge ogni anno la sagra della pattona e il borgo accoglie anche la "Casa dei sapori", dove si possono conoscere i prodotti alimentari tradizionali del territorio.

Distanze in macchina da Fivizzano:
Sassalbo: 15 km (20 minuti)
Turano: 2 km (5 minuti)
Arlia: 6 km (14 minuti)
Posara: 5 km (10 minuti)
Agnino: 8 km (15 minuti)

Per approfondire:
L’ecomuseo della Montagna lunigianese