PERCORSO N║3: SANTUARIO DI PANICALE - PIEVE DI CRESPIANO

Il borgo di Panicale
Il borgo di Panicale

Attenzione! La descrizione del percorso non è aggiornata, si segnalano punti o passaggi impraticabili. Informarsi prima di mettersi in viaggio.

Con una breve variazione, da Panicale si scende verso il centro storico di Licciana Nardi, dove si trova il castello, oggi una residenza marchionale, e da qui verso i castelli di Castel del Piano e Bastia.
l’itinerario comincia dal santuario fino al centro storico di Salano, lo si supera e si prende quindi la strada sterrata che conduce a Varano. A circa 1600 mt, vicino ad un abbeveratoio posto contro il versante, si può salire per un ripido sentiero all’oratorio della Madonna dei Campi, sede di pellegrinaggi degli abitanti della zona nel mese di maggio.
Seguendo sempre la strada sterrata, si arriva quindi a Varano, dove di trova la torre trasformata in campanile e la chiesa di San Nicolò . Si prosegue per Ripola, percorrendo circa 1800 metri, e poi svoltando a destra, lungo una strada sterrata di 2 km circa, si arriva al borgo di Tavernelle.
Da Tavernelle, seguendo un sentiero pedonale del circuito "Trekking Lunigiana", si arriva a Catognano, nel comune di Comano. Continuando lungo la strada asfaltata, si giunge a Montale e quindi a Crespiano, a circa 3 km da Tavernelle.
Vicino alla pieve di Crespiano, parte un sentiero tortuoso e ripido, che in due ore porta a Groppo San Pietro, dove si incontrano i ruderi dell’omonimo castello.

I testi contenuti in questa pagina sono di proprietà esclusiva della Comunità Montana della Lunigiana. L’utilizzo di questo materiale è stato concesso esplicitamente. È vietata la riproduzione, alterazione, falsificazione, modificazione di copie non autorizzate in tutto o in parte del contenuto delle informazioni pubblicate e delle immagini.

Per approfondire:
Il trekking in Lunigiana
Il trekking in Val di Magra

Le informazioni contenute in questa pagina sono di carattere puramente indicativo. Si consiglia e raccomanda di munirsi di informazioni aggiornate prima di intraprendere l’escursione. I sentieri e la segnaletica possono trovarsi in condizioni non ottimali.