LA VILLA MALASPINA A CANIPAROLA

La villa di Caniparola
La villa di Caniparola Nella frazione di Caniparola, ai piedi della salita che porta a Fosdinovo e al suo castello, si trova la villa Malaspina. Venne costruita nel 1724 dal marchese Gabriele Malaspina, dove sorgeva un’antica torre eretta al tempo dei Vescovi di Luni e una casa di proprietà della famiglia dove morì Carlo Francesco Agostino Malaspina. Nel 1758 la villa passò a Carlo Emanuele, che venne però spogliato del feudo da Napoleone. I beni allodiali passarono al nipote Giuseppe Malaspina, quindi al marchese Alfonso e al nipote Alessandro Torrigiani Malaspina. In seguito la villa passò alla famiglia Zuccarino di Carrara.
La villa si struttura su tre piani. Il basamento ha con un motivo a scarpa, simile a una fortificazione, in origine la facciata principale controllava il ponte sul torrente Isolone. Il piano nobile si raggiunge con una scala a due rampe che porta al vasto salone affrescato da Antonio Contestabile di Piacenza, particolarmente attivo anche a Pontremoli, così come l’altro salone affrescato nel 1728 da Francesco Natali.
È circondata da un esteso parco e da un signorile giardino all’italiana.

Per approfondire:
Il patrimonio artistico di Fosdinovo

Torna indietro