I CASTELLI DELLA LUNIGIANA



La Lunigiana viene spesso definita la "Terra dei Cento Castelli". Ma perchè così tante strutture difensive in un fazzoletto di terra? Sulle sponde del fiume Magra fino alle vette appenniniche e dai monti fino al mare è un susseguirsi di castelli, torri, manieri, residenze signorili, in troppi casi in cattivo stato, ma nonostante tutto affascinante.
Dobbiamo ringraziare principalmente la famiglia Malaspina, la nobile famiglia feudale discendente dagli Obertenghi, dinastia longobarda che nasce nel X secolo da Oberto I, marchese di Milano e di Genova, conte di Luni e di molte altre parti del Nord Italia. I Malaspina occuparono la Lunigiana e continuarono a seguire il diritto longobardo che non prevedeva il maggiorasco. Quindi tutti i figli maschi avevano diritto a un proprio feudo e ogni signore locale costruiva la propria fortezza.
Nel 1221 iniziarono una lunga serie di divisioni che portarono allo spezzettamento del territorio, indebolendo quindi i vari feudi, che divennero facile preda di potenze come Firenze, Genova, Milano e di singole famiglie nobili, come i Centurione, i Campogregoso, i Corsini, i Sale, gli Ariberti...
I castelli hanno infatti principalmente origine malaspiniana, ma in molti casi vennero trasformati in residenze signorili dai nuovi inquilini. Dei famosi cento castelli, sono oggi visitabili (2021) quasi una ventina di strutture, il resto sono ridotti a ruderi più o meno interessati e in alcuni casi sono scomparsi del tutto.

Ecco qua una lista con orari e numeri di contatto di TUTTI I CASTELLI VISITABILI.

Oppure conosciamo insieme tutti castelli della Lunigiana, le torri, i palazzi signorili, i ruderi, le rovine e le fortezze scomparse:

Fortezza della Brunella
Castello di Pallerone
Castello di Bibola (ruderi)
Castello di Bigliolo (ruderi)
Castello di Olivola (resti inglobati nelle case)
Castello di Burcione (pochi ruderi)



Castello di Bagnone
Castello di Castiglion del Terziere
Castello di Treschietto (ruderi)
Castello di Iera (pochi ruderi)
Castello di Corlaga (palazzo signorile)
Castello di Corvarola (resti inglobati nelle case)



La torre di Casola
Castello di Codiponte (ruderi)
Castello di Regnano (pochi ruderi)



Castello di Comano (ruderi)
Castello di Groppo San Pietro (pochi ruderi)



Castello di Filattiera
Torre di San Giorgio
Case torri
Castello della Rocca Sigillina (pochi ruderi)



Castello della Verrucola
Castel dell'Aquila di Gragnola
Castello di Aiola (ruderi)
Torre di Viano
Torre di Rometta
Castello di Agnino (pochi ruderi)
Castello di Ceserano (scomparso)
Castello di Soliera (scomparso)
Castello di Moncigoli (scomparso)



Castello di Fosdinovo
Castello di Ponzanello (ruderi)



Castello di Licciana
Castello di Bastia
Castello di Monti
Castello di Terrarossa
Castello di Pontebosio
Casteldelpiano
Castello del Poderetto
Torre di Apella
Torre di Varano
Torre di Monte Vignale
Torre Nocciola



Castello di Lusuolo
Castello di Castevoli
Castello di Mulazzo (ruderi)
Castello di Gavedo (ruderi)
Castello di Montereggio (palazzo signorile)





Castello del Piagnaro
Castello di Grondola
Torre del Cacciaguerra
Torre dei Seratti
Torre di Castelnuovo



Castello di Tresana Castello di Villa di Tresana Castello di Giovagallo (ruderi)



Fotografia APT Massa Carrara

Castello di Malgrate Castello di Malnido (ruderi) Castello di Virgoletta





Castello di Castelnuovo Magra



Castello di Volpiglione (ruderi)
Castello di Nicola (ruderi)



Fortezza Firmafede
Fortezza del Sarzanello
Castello della Brina (ruderi)



Castello di Arcola
Castello di Trebiano (ruderi)