AULLA

Panorama di Aulla

Aulla

La fortezza della Brunella L’abbazia di San Caprasio

La città di Aulla si sviluppa nella parte finale della Lunigiana toscana, al confine con la Liguria. Sorge in una zona pianeggiante di fondovalle, alla confluenza tra il fiume Magra e il torrente Aulella, ma il territorio comunale è molto più vasto. Oggi l'antico borgo è irriconoscibile, raso al suolo dai bombardamenti della seconda guerra mondiale e sopravissuto solo in vecchie fotografie d'epoca. La felice posizione strategica come punto di arrivo e partenza per il passo della Cisa a nord, il passo del Cerreto e del Lagastrello a est, e la costa a sud e ovest, ne fece il centro di un reticolo di antiche vie medievali, la più importante di queste, la Via Francigena, che ad Aulla proseguiva con tre varianti verso Luni.
L’884 è considerato l'anno di nascita, quando l’abbazia di San Caprasio, venne fondata da Adalberto I, marchese di Toscana. Posto in terra di passaggio, Aulla fu contesa nei secoli dai Vescovo di Luni, potenze toscane, genovesi e dai Malaspina, prima dell'abolizione del feudalesimo del 1797.
Simbolo della città è l'imponente Fortezza della Brunella, costruzione militare cinquecentesca a struttura quadrangolare, eretta probabilmente da Giovanni delle Bande Nere nella prima metà del XVI secolo, che svetta su un promontorio a dominio di Aulla. Oggi è sede del Museo di storia naturale della Lunigiana.
Come detto, poco invece resta dell'Aulla medievale, ad eccezione dell'abbazia di San Caprasio, fortemente rimaneggiata nei secoli, che conserva della struttura primitiva l'abside semicircolare e un frammento di pietra scolpito a motivi vegetali e del palazzo del Centurione, di cui rimangono anche resti della porta di accesso alla città.
Aulla ha oggi un aspetto moderno, con la curiosità di una statua dedicata a Bettino Craxi in piazza Gramsci, eretta nel 2003.
Il resto del territorio comunale è molto interessante per aver mantenuto testimonianze storiche più solide: Caprigliola con le mura Medicee e la torre dei Vescovi Conti, Bibola, borgo in galleria con i resti del castello e Bigliolo e Olivola immersi nel verde con resti di fortificazioni.

Come arrivare
Aulla si raggiunge in autostrada con l’a15, autocamionale della Cisa, uscita Aulla. Se si è già in Lunigiana, si percorre invece la SS62 della Cisa. Vicino al centro è facile trovare un parcheggio. La fortezza della Brunella si raggiunge da Via Nazionale (percorribile solo in senso unico) girando a destra per la Strada del Valico del Cerreto. L’indicazione verso la Brunella di Via Nazionale non è visibilissima. L’abbazia e il palazzo Centurione si raggiungono seguendo le indicazioni per Podenzana, pochissimo dopo l’entrata in città .


Torna indietro




Da non perdere ad Aulla




Assolutamente tutto su Aulla


L’abbazia di San Caprasio e la fortezza della Brunella sono i principali monumenti di Aulla. Nei dintorni, Caprigliola, Bibola, Bigliolo, Pallerone, Vecchietto, Gorasco, Pomarino...

Trova l’alloggio più comodo per il tuo soggiorno ad Aulla, tra hotel, agriturismi, b&b... e scegli dove degustare le specialità gastronomiche tipiche della zona.

La fiera del patrono San Caprasio si svolge ogni primo giugno. Sempre d’estate, si svolge la sagra della focaccetta di Vaccareccia, nei pressi di Quercia.

Suggerimenti di itinerari naturalistici nel comune di Aulla, soprattutto sulle colline, lungo i torrenti e i sentieri trekking.

Dominata dai Malaspina, con i rami di Olivola e Pallerone, la parte antica di Aulla venne quasi completamente distrutta dai bombardamenti della seconda guerra mondiale.



Video di Aulla



Fotografie di Aulla