LA CASA DEI TREDICI

Il borgo di Vinca
Il borgo di Vinca

Si narra che a Vinca una tremenda malattia avesse decimato la popolazione. Gli abitanti si svegliavano la mattina senza problemi, verso mezzogiorno li colpiva un forte mal di testa e la sera cadevano morti. Nonostante l’accorrere di medici dai paesi vicini, Vinca venne decimata. Le strade vuote, le case abbandonate e le pecore lasciate al loro destino, vagando tra il paese pieno di cadaveri che nessuno più seppelliva. Anche il parrocco era morto, era impossibile lasciare il paese in quanto le genti dei borghi vicini temevano la pestilenza. Venne allora la brutta stagione, un autunno freddo nevoso come non si ricordava da anni e anni, con solo tredici persone vive salvatesi da quelle tragedia e che andarono ad abitare insieme in una stessa casa. Tutti gli abitanti di Vinca sono oggi discendenti di quei tredici scampati al castigo divino.
Ci racconta il Caselli, nel suo libro "Lunigiana Ignota", cha all’epoca del suo viaggio a Vinca, la leggendaria casa si trovava deserta e in decadenza da più di un secolo.

Per approfondire:
Storie e leggende di Fivizzano
Le leggende della Lunigiana
Vinca