GLI STRETTI DI GIAREDO

l’entrata degli stretti
L’entrata degli stretti

Gli stretti di Giaredo sono dei piccoli canyon scavati dalle acque vorticose del torrente Gordana. Si tratta di una forra fluviale lunga circa 500 metri delimitata da pareti rocciose verticali di una trentina di metri di altezza e in alcuni punti larghe pochi metri.
In circa un’ora è possibile percorrerli scoprendo cinque gole principali, di cui la più bella quella centrale, risalendo il torrente verso la diga, tra rocce di diverse dimensioni e rami di alberi divelti. I passaggi dove non si tocca sono pochi ma molto suggestivi, uno subito all’entrata degli stretti.
Gli stretti di Giaredo si trovano a Pontremoli, nella frazione di Cavezzana Gordana, in località Giaredo.
Come arrivare: Ci sono sue modi per arrivare agli Stretti di Giaredo. Dalla provinciale per Zeri, dopo alcuni tornanti, si prende a sinistra in discesa seguendo le indicazioni per Cavezzana Gordana; dopo poco a un bivio prendere a destra e a un tornante verso sinistra, abbandonare la strada asfaltata e prendere a destra lungo una sterrata in discesa. Continuare fino a uno spiazzo, dove si può lasciare la macchina o continuare fino ad uno spiazzo più vasto.
Gli Stretti sono raggiungibili anche dal ponte sul Gordana (seguire la strada le indicazioni per Zeri, una volta usciti dall’autostrada) proprio davanti ad un grosso mobilificio (Sordi arredamenti), girare a destra verso Cavezzana Gordana. Costeggiare il torrente e dopo aver superato un gruppo di case, vedendo sulla sinistra l’abitato di Cavezzana, abbandonare la strada asfaltata che sale a destra verso Dozzano e procedere diritti lungo una strada sterrata e ricongiungendosi al percorso anteriore. Una volta lasciata la macchina, scendere nel torrente e risalirlo, dopo un centinaio di metri si arriva all’entrata degli stretti di Giaredo.
Gli stretti si trovano in una zona esondabile e bisogna sempre porre molta attenzione.

Per approfondire:
Le fotografie degli stretti di Giaredo
Il torrente Gordana
Le escursioni naturalistiche della Lunigiana

Leggi il racconto della nostra escursione agli stretti di Giaredo.

Torna indietro