ITINERARI E PERCORSI DI MULAZZO

Mulazzo
Mulazzo

Mulazzo si trova sulla sponda destra del fiume Magra. Ci si arriva facilmente dall’uscita dell’autostrada A15, svoltando a sinistra lungo la SP31 e seguendo la strada fino in località Arpiola, sede comunale. Qui si gira a sinistra e si prende la SP32 che in meno di due km porta al borgo. Dal centro di Pontremoli dista 10 km, mentre da Villafranca in Lunigiana 7 km circa e si raggiunge dalla galleria della stazione, attraversando il ponte sul fiume Magra e prendendo quindi la SP31.
Una volta arrivati, parcheggiare all’entrata del borgo, davanti ai ristoranti che si trovano lungo la strada prima dell’acquedotto malaspiniano. Da qui già si apprezzano le case arroccate attorno alla torre di Dante, l’antico castello. Dalla porta genovese si sale verso la piazza della chiesa di San Nicolò , che appare esternamente rovinata. Sulla parte sinistra si trova il palazzo Malaspina Zini dove spiccano i busti marmorei di Dante e Carducci. Da Piazza Dante si arriva in breve alla più grande Piazza Malaspina, dove si alza un’altra statua dedicata a Dante, simbolo dell’orgoglio mulazzese per il passagio del poeta. Da qui si gode una bella vista della valle del Magra da una parte e della torre di Dante dall’altra, rudere ristrutturato. Accanto si trova il Palazzo Malaspina, sede del Centro di Studi Malaspiniani. Mulazzo diede infatti i natali a Alessandro Malaspina, famoso navigatore sotto la corona spagnola.
Continuando invece la visita oltre il castello e seguendo il perimetro delle mura, si torna verso la porta genovese, passando dall’oratorio dell’immacolata Concezione o di Borgo Caldo e dal Museo Dantesco Lunigianese.
Prima di giungere al borgo, nel cimitero, si trova la chiesa di San Martino, inagibile ma di grande fascino.



La sorpresa di strutture affascinanti, aziende agriturische nascoste in valli verdeggianti, dove spesso accompagnare il riposo a un’ottima cucina.

Per chi preferisce la comodità o per motivi di lavoro, l’hotel resta una delle opzioni principali nel comune di Pontremoli.





Torna indietro