LA VALLATA DI ROSSANO

Chiesa di Rossano
Chiesa di Rossano

La vallata di Rossano è la più meridionale delle valli zerasche e comprende le frazioni di Piagna, Castoglio, Chioso, Montelama, Chiesa, Paretola, Valle, tutte vicine tra di loro, e Bosco, leggermente separato. Si raggiunge percorrendo da Pontremoli la SP36 che sale verso Arzelato e Pietra Piccata.
La chiesa principale della vallata si trova a Chiesa di Rossano, formata da poche case e dal vicino cimitero. Dedicata a San Medardo, venne costruita tra il 1896 e il 1902 su un precedente edificio medievale, di cui rimane solo il campanile. Non particolarmente interessante esternamente, all’interno colpisce invece per la splendida cupola e i numerosi affreschi.
Prima di giungere Chiesa di Rossano, il primo paese della valle è Piagna, borgo in pietra con belle volte, portali in arenaria, l’oratorio di Santa Maria Maddalena del 1644, conservante un quadro della Beata Vergine, Santa Maria Maddalena e San Medardo e una balaustra in marmo con figure di santi in rilievo, oltre ad una statua lignea della Maddalena; e un facion scolpito in un ingresso di una casa. Da qui ci si può dirigersi verso Castoglio o superare Chiesa di Rossano, incontrando Paretola, agglomerato di case poste davanti ad uno spiazzo, dove si trova l’oratorio di San Genesio, recuperato e in ottime condizioni e quindi Valle, altro abitato composto da poche case, dove si trova l’oratorio dell’assunzione di Beata Vergine Maria.
Procendendo verso Chioso e Montelama, si trova isolata la chiesa di San Giovanni Battista. Una delle due campane reca un bassorilievo con il nome di San Terenziano Vescovo e la data 1686, mentre sulla porta d’ingresso si trova la data 1604. Chioso si trova più in alto, poche case dove spiccano alcune maestà murate nelle case.
Montelama è a poco più di 2 km da Chiesa di Rossano, antico castellaro ligure e poi sede di castello oggi scomparso. Le poche case poste nella valle del torrente Teglia, si raggruppano attorno all’oratorio, tra antichi stemmi scolpiti nei portali. Secondo la leggenda di amanti trasformati in gatti, gli abitanti di Montelama sono dei maghi...
Da Paretola, in direzione Bosco di Rossano si trova la bellissima cascata della Colombara, incastonata in una grotta e facilmente raggiungibile a piedi. Bosco si trova incassato nella valle del torrente Teglia, nato intorno alle cascine e alle capanne che gli abitanti della valle usavano per la transumanza. La chiesa è dedicata al protettore del paese, San Pellegrino, posta tra le numerose case che formano il borgo, la maggioranza spopolate.
Castoglio infine, raggiungibile da Piagna, caratteristico borgo con l’oratorio della Visitazione del XVII secolo, con all’interno una grande tela rappresentante la Visitazione, un crocifisso in legno e l’immagine della Madonna con Bambino.

Per approfondire:
Il borgo di Chiesa di Rossano
Il borgo di Paretola
Il borgo di Piagna
Il borgo di Castoglio
Il borgo di Montelama
Il borgo di Chioso
Il borgo di Bosco di Rossano
Il borgo di Valle