AGNINO

Agnino
Agnino

Il borgo di Agnino si allunga a mezzacosta sulla strada che da Fivizzano conduce a Licciana Nardi, tra la valle del Taverone e quella del Rosaro. Posto in splendida posizione panoramica, con alle spalle le cime delle Alpi Apuane, Monte Pisanino, Pizzo D'Uccello e Monte Sagro, è anche conosciuto come paese dei 18 campanili, tanti sono secondo la tradizione, quelli visibili dal borgo guardando la vallata.
Storicamente territorio dei Malaspina della Verrucola, Agnino è diviso in tre località principali: Castello, Villa e Piazza. La parte più caratteristica è Castello, con i resti della cortina muraria e di alcune torri circolari del maniero distrutto da Castruccio Castracani nel XIV secolo e poi da diversi eventi sismici nei secoli. Villa è la parte più grande, lungo la strada, con numerose abitazioni ed esercizi commerciali. Piazza invece è posta più in alto, sulla strada per Quarazzana, dove sorge la chiesa di San Michele Arcangelo, patrono del paese, nonostante vengano venerati anche San Genesio e San Rocco.
Menzionata per la prima volta nelle Decime Bonifaciane del 1298-1299 come dipendennte dalla pieve di Soliera, l'edificio venne elevato a parrocchia nel 1568, ristrutturato e ampliato nel XVIII secolo, e rimaneggiato in diversi punti nel XX secolo, soprattutto dopo il forte terremoto del 1920, e anche in tempi più recenti con il rifacimento degli intonaci il restauro interno delle decorazioni pittoriche.
La chiesa presenta una facciata regolare a capanna racchiusa da due paraste angolari, con timpano triangolare aperto, finestra centrale appoggiata alla cuspide corrispondente alla sottostante finestra e semplice portale in arenaria. L'interno è ad aula unica, di stampo settecentesco, ridipinto nel 1967 dal pittore Triani di Pontremoli, conserva una grande tela raffigurante San Michele e Nostra Signora della Neve. L'imponente campanile è a base quadrata.
Ad Agnino troviamo due eccellenze gastronomiche: il tipico pane di Agnino, di forma generalmente rotonda, con cottura in forno a legna e l’utilizzo di crusca e farina locali e la pattona di Agnino, una sorta di piccolo pane sottile, ottenuto da un impasto di farina e acqua disposto su foglie di castagno e cotto in forno a legna. Dal 1975 si celebra ogni anno il 25 agosto la sagra della pattona.

Curiosità:
- Distanza dal capoluogo (Fivizzano): 3,66 km
- Altezza sul livello del mare: 460 metri
- Numero di residenti: 155

Come arrivare

Le fotografie di Agnino



I video di Agnino







Per approfondire: