IL TREKKING E I PERCORSI NATURALISTICI DI FIVIZZANO

Il ponte sul Fagli a Equi Terme
Il ponte sul Fagli a Equi Terme

La vastità del comune di Fivizzano, il parco dell’appennino e il parco delle Apuane sono un invito irresistibile a tutti gli appassionati di trekking, mountain bike ed equitazione. Il Trekking Lunigiana si snoda lungo la parte orientale del comune da Sassalbo fino Monzone, attraversando il territorio di Casola: Sassalbo, Vendaso, Mommio, Regnano, Castiglioncello, Casola, Argigliano, Ugliancaldo, Equi Terme, Aiola, Monzone, Vezzanello, Viano per poi proseguire per Fosdinovo. Un itinerario che comprende l’undicesima, dodicesima e tredicesima tappa di questo percorso, da fare in tre giorni o più comodamente visitando anche le bellezze architettoniche dei vari paesini che si toccano lungo i sentieri o fermarsi ad ammirare le bellezze naturali lungo il percorso.
Come ad esempio a Mommio, dove nel torrente omonimo si trovano delle cavità naturali lavorate nei secoli dall’acqua, le Marmitte dei Giganti. Sono facilmente raggiungibili in località Restì , oltre un laghetto per la pesca sportiva, scendendo per alcune decine di metri il corso d’acqua. Oppure a Monzone, con le sorgenti salate dell’acqua nera e la torre di Monzone, un monumento naturale, o Tenerano, con la tecchia e la grotta.
A Fivizzano capoluogo, Posara e Debicò si trova poi la recente ippovia, formata da due percorsi a forma di anello: l’anello dell’appennino Tosco Emiliano, di circa 80 Km che da Fivizzano scende nella Valle del Rosaro per risalire tra il fiume e il Taverone fino alle sorgenti del Rosaro, al Passo del Cerreto e l’anello delle Apuane, che si estende per circa 60 Km da Fivizzano alla Valle del Lucido e al Parco delle Apuane.



Per approfondire: