COSA VEDERE A MANAROLA

La chiesa di San Pietro

La chiesa di San Lorenzo
La chiesa di San Lorenzo La chiesa della Natività di Maria Vergine è anche conosciuta come chiesa di San Lorenzo, patrono del paese. Eretta in stile gotico ligure dai Maestri Antelami, risale al 1338, come indica la lapide nella facciata. Il portale con arco ogivale è sormontato da una lunetta con bassorilievo raffigurante il martirio di San Lorenzo, mentre il rosone è ornato da dodici colonnine con capitelli fogliati e da una corona esterna adornata con teste umane e leonine. Il campanile a pianta quadrata del XIV secolo era un’antica torre di avvistamento, poi soprelevata.
l’interno barocco è a tre navate con volta a botte. Sull’altare maggiore spicca un trittico del XIV secolo con la Madonna con Bambino e i Santi Lorenzo e Caterina e nella navata sinistra un trittico appartenente alla Chiesetta di Volastra con San Lorenzo circondato dai Santi Domenico e Giovanni Battista.

L’oratorio dei Disciplinati L’oratorio dei Disciplinati
Nella stessa piazza della chiesa della Natività di Maria Vergine si trova l’oratorio dei Disciplinati, della SS. Annunziata o degli Azzurri, del XV secolo. All’angolo con la strada principale sorge l’edificio del Lazzaretto o antico ospedale di San Rocco.

Il santuario di Nostra Signora della Salute Il santuario di Nostra Signora della Salute
Ad una sola navata rettangolare, il santuario di Nostra Signora della Salute si trova a Volastra, una borgata collinare di Manarola. Presenta forme romaniche con la bella facciata è decorata da conci squadrati e l’arco ogivale in arenaria del portale è sormontato da una bifora gotica. Sui fianchi invece si trovano strette monofore, mentre l’interno è coperto da una volta a botte.
La festa del santuario è la prima domenica di agosto.

Manarola e in fondo il bastione Manarola e in fondo il bastione
Dell’antico castello di Manarola rimangono solo alcuni resti di un bastione, probabilmente anteriore al XIII secolo. Parte dei ruderi sono inglobati nelle murature delle case affacciate sulla falesia a picco sul mare.

Per approfondire: